Ad escludere il carattere diffamatorio dell’articolo di un giornale non può essere sufficiente l’essere il delitto attribuito meno grave di quello oggetto del rinvio a giudizio

Quando un articolo di giornale relativo a cronaca giudiziaria è strutturato in termini tali da ingenerare l’impressione che un soggetto sia stato rinviato a giudizio per un reato, mentre è stato rinviato a giudizio per un altro reato, il solo fatto che il reato di… Leggi di più

E’ inefficace l’avviso affisso prima dell’ingresso nell’area di parcheggio dal quale risulti una limitazione di responsabilità per il furto totale o parziale del veicolo

L’avviso affisso prima dell’ingresso nell’area di parcheggio (riproducente l’estratto del regolamento) dal quale risulti una limitazione di responsabilità per il furto totale o parziale del veicolo è inefficace in quanto non approvata specificatamente per iscritto ai sensi dell’art. 1341 secondo comma c.c., dovendosi essa ritenere… Leggi di più

Il provvedimento di archiviazione ha per presupposto la mancanza di un processo e non dà luogo a preclusioni di alcun genere, né ha gli effetti caratteristici della cosa giudicata

In tema di causa attinente all’accertamento della responsabilità da sinistri derivanti dalla circolazione stradale, spetta al giudice civile stabilire, con piena libertà di giudizio, se nei fatti emersi, e legittimamente ricostruiti in modo difforme dall’avviso del giudice penale, siano ravvisabili gli estremi di delitti colposi,… Leggi di più

La liquidazione del danno morale conseguente alla lesione dell’onore o della reputazione è rimessa alla valutazione equitativa del giudice

La liquidazione del danno morale conseguente alla lesione dell’onore o della reputazione, allo stesso modo di quanto è previsto per ogni altro risarcimento del danno per fatto illecito, è rimessa alla valutazione equitativa del giudice e sfugge necessariamente ad una precisa valutazione analitica, restando essa… Leggi di più

Non sussiste l’esimente di cui all’art. 598 c.p. qualora gli scritti o le espressioni a contenuto offensivo abbiano destinazione diversa dalla sede giudiziale

Non sussiste l’esimente di cui all’art. 598 c.p. allorché gli scritti o le espressioni a contenuto offensivo siano inviati non solo a coloro che ne debbono essere i destinatari nell’ambito del processo, ma anche ad altre persone, che nel processo non possono e non debbono… Leggi di più

Azioni risarcitorie da diffamazione a mezzo stampa, accertamento riservato al giudice di merito

Nelle azioni risarcitorie da diffamazione a mezzo stampa la ricostruzione storica dei fatti, la valutazione del contenuto degli scritti o più in generale delle espressioni grafiche adoperate, l’accertamento in concreto dell’attitudine offensiva di tali espressioni, la valutazione dell’esistenza dell’esimente del diritto di critica o di… Leggi di più

Il contratto di mutuo di scopo è un contratto consensuale, oneroso e atipico che assolve, in modo analogo all’apertura del credito, una funzione creditizia

Il contratto di mutuo di scopo è un contratto consensuale, oneroso e atipico che assolve, in modo analogo all’apertura del credito, una funzione creditizia. A differenza di quanto si verifica nel contratto di mutuo regolato dal codice civile, si rileva che in quello di finanziamento… Leggi di più

Nel contratto di leasing finanziario l’utilizzatore è legittimato a far valere la pretesa all’adempimento del contratto di fornitura, oltre che al risarcimento del danno conseguentemente sofferto

In caso di leasing finanziario – atteso che con la conclusione del contratto di fornitura viene a realizzarsi nei confronti del terzo contraente quella stessa scissione di posizioni che si ha per i contratti conclusi dal mandatario senza rappresentanza (sicché ai sensi dell’art. 1705, secondo… Leggi di più

L’azione dell’INAIL nei confronti dei soggetti civilmente responsabili è legittima non solo nei confronti del datore di lavoro, bensì nei confronti dei soggetti responsabili dell’infortunio

L’azione esercitata dall’INAIL nei confronti delle persone civilmente responsabili, per la rivalsa delle prestazioni erogate all’infortunato, nel caso di accertata responsabilità penale del datore di lavoro e dei suoi preposti alla direzione dell’azienda od alla sorveglianza dell’attività lavorativa, configura un’azione spettante non solo nei confronti… Leggi di più