Sequestro preventivo nei confronti dell’ente e persone giuridiche

Il sequestro impeditivo ha una finalità che la misura interdittiva non ha, ossia impedire l’utilizzo di singoli beni ed evitare, sottraendoli alla disponibilità dell’ente, che possano continuare – nonostante la misura interdittiva – quantomeno ad agevolare la commissione di altri reati con conseguente pericolo per la collettività.

Individuato l’autonomo raggio d’azione del sequestro impeditivo rispetto alle misure interdittive, resta, però, da capire in base a quale argomento il suddetto sequestro possa essere veicolato nell’ambito della normativa di cui al d.lgs. 231/2001.

A livello sistematico, l’applicazione del sequestro impeditivo si può, innanzi tutto, giustificare laddove si tenga presente che si tratta di un istituto generale che non trova ostacolo di natura logico-giuridica, ad essere applicato anche agli enti.

A livello letterale, la norma che consente di applicare il sequestro impeditivo anche agli enti, va rinvenuta nell’amplissimo disposto dell’art. 34 a norma del quale per il procedimento relativo agli illeciti amministrativi dipendenti da reato si osservano, in quanto compatibili, le disposizioni del codice di procedura penale e del decreto legislativo 28 luglio 1989, n. 271.

Ovviamente, nulla vieta di disporre il sequestro impeditivo nei confronti della persona fisica indagata o imputata che utilizzi il bene criminogeno di proprietà dell’ente che, quindi, sia pure in modo indiretto, ne verrebbe privato, ma si tratta di una possibilità che va ritenuta aggiuntiva o alternativa ma non sostitutiva.

Il che significa che oltre all’espressa e speciale ipotesi prevista dall’art. 53, del sequestro preventivo del prezzo o del profitto del reato, nei confronti dell’ente deve ritenersi ammissibile anche la normativa generale del sequestro preventivo di cui all’art. 321/1 c.p.p., spettando al P.M. individuare, di volta in volta, quello più funzionale all’esigenza cautelare che intenda conseguire.

In conclusione, in tema di responsabilità dipendente da reato degli enti e persone giuridiche, è ammissibile il sequestro impeditivo di cui al comma primo dell’art. 321 c.p.p., non essendovi totale sovrapposizione e, quindi, alcuna incompatibilità di natura logico-giuridica fra il suddetto sequestro e le misure interdittive.

Cassazione Penale, Sezione Seconda, Sentenza n. 34293 ud. 10/07/2018 – deposito del 20/07/2018

Aggiungi Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.