Cognizione del contenuto della corrispondenza telematica dell’ex convivente, configurabilità del reato di cui all’art. 616 c.p.

Non è dubitabile che sul piano concettuale la corrispondenza costituisca null’altro che una species del genus comunicazione, ma è altrettanto indubbio che nell’ambito dell’art. 617 c.p. quest’ultimo termine non identifichi il genus nella sua astratta omnicomprensività, ma assuma un significato maggiormente specializzato, riferibile al profilo dinamico della comunicazione...
Continua a leggere »

Appello inammissibile per difetto di specificità dei motivi

L’appello (al pari del ricorso per cassazione) è inammissibile per difetto di specificità dei motivi quando non risultano esplicitamente enunciati e argomentati i rilievi critici rispetto alle ragioni di fatto o di diritto poste a fondamento della sentenza impugnata. Cassazione Penale, Sezioni Unite, Sentenza n. 8825 ud. 27/10/2016...
Continua a leggere »

I compensi spettanti all’amministratore o consigliere d’amministrazione di una S.p.A. sono pignorabili senza i limiti previsti dall’art. 545 c.p.c.

L’amministratore unico o il consigliere d’amministrazione di una società per azioni sono legati da un rapporto di tipo societario che, in considerazione dell’immedesimazione organica che si verifica tra persona fisica ed ente e dell’assenza del requisito della coordinazione, non è compreso in quelli previsti dal n. 3 dell’art....
Continua a leggere »

Dottori Commercialisti, situazioni di incompatibilità, potere di accertamento della Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza

La Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei dottori Commercialisti è titolare del potere di accertare, sia all’atto dell’iscrizione alla Cassa, sia periodicamente e comunque prima dell’erogazione di qualsiasi trattamento previdenziale, che l’esercizio della professione non sia stato svolto nelle situazioni di incompatibilità di cui all’art....
Continua a leggere »