Cancellazione del nominativo del debitore dal registro dei protesti, giurisdizione del giudice ordinario

L’attività della Camera di Commercio, nel procedimento di cui all’art. 4 della L. n. 77 del 1955 (come riformato dalla legge n. 235 del 2000), si esplica in una mera operazione materiale di verifica della regolarità dell’adempimento o della sussistenza della illegittimità o dell’errore del… Leggi di più

E’ onere della Pubblica amministrazione provare di non aver potuto rimuovere la situazione di pericolo

Accertata l’esistenza di una insidia, nella specie costituita dalla discrasia tra situazione reale e dati cartografici in relazione a fondali di acque lacuali, ai fini dell’affermazione della responsabilità dell’ente nel cui territorio ricade il lago, per danni subiti da terzi, non spetta all’attore dimostrare l’inerzia… Leggi di più

In materia di sostituzione del difensore per singoli atti del processo, ai fini della corretta liquidazione dei compensi corrispondenti, deve essere consentita la verifica dell’oggetto della delega

In tema di delega professionale, la sostituzione per singoli atti del processo richiede la delega per iscritto negli atti di causa o una dichiarazione separata, anche se ha una portata operativa ridotta, perché è consentita per gli atti successivi alla costituzione del rapporto processuale e,… Leggi di più

Non viola il principio della immutabilità della domanda la richiesta della indennità sostitutiva, formulata in corso di causa, in sostituzione della reintegrazione chiesta con l’atto introduttivo

La richiesta del lavoratore illegittimamente licenziato di ottenere, in luogo delle reintegrazione, l’indennità prevista dalla legge, costituisce esercizio di un diritto derivante dalla illegittimità del licenziamento e riconosciuto al lavoratore dalla stessa norma di legge, secondo lo schema generale dell’obbligazione con facoltà alternativa ex parte… Leggi di più

L’ordinanza che pronuncia su alcuni capi della domanda produce gli effetti di una sentenza definitiva sull’intero oggetto della domanda se è fatta rinuncia alla sentenza

Nell’ipotesi di cause inscindibili, ove il giudice pronunci ordinanza anticipatoria di condanna ai sensi dell’art. 186 quater c.p.c. nei confronti di tutti i convenuti, basta che uno di essi rinunci ritualmente alla sentenza perché l’ordinanza si trasformi in sentenza e diventi impugnabile anche da parte… Leggi di più

L’istanza di regolamento di competenza presuppone che la sentenza sia stata depositata in cancelleria completa della motivazione

La facoltà di proporre istanza di regolamento di competenza presuppone che la sentenza sia stata depositata in cancelleria completa della motivazione. L’istanza predetta non è, pertanto, ammissibile ove proposta, con riferimento ad una pronuncia decisiva della questione di competenza, sulla base del solo dispositivo letto… Leggi di più