Generic selectors
Parola esatta ...
Cerca nei titolo
Search in content
Cerca negli articoli
Search in pages
Filtra per categoria
Ambiente
APPLICAZIONE ED ESECUZIONE DELLA PENA
Assicurazioni
Bioetica
Burocrazia
Codice Civile
Codice dei contratti pubblici
Codice della strada
Codice Penale
Condominio
Contratti
Corte Costituzionale
Corte dei Conti
Corte di Giustizia CE
Costituzionale
Diritti dei consumatori
Diritti delle persone
Diritto Amministrativo
Diritto Civile
Diritto Commerciale
Diritto comunitario
Diritto Costituzionale
Diritto del Lavoro
Diritto di Famiglia
Diritto Fallimentare
Diritto Internazionale Privato
Diritto Penale
Diritto Penitenziario
Diritto Previdenziale
Diritto Societario
Diritto Tributario
Disposizioni per l'attuazione del Codice Civile e disposizioni transitorie -
Esecuzione Forzata
Giurisprudenza Civile
Giurisprudenza Penale
Giurisprudenza Tributaria
L'INDUSTRIA E IL COMMERCIO
Legislazione
Libro Primo - DEI REATI IN GENERALE
Libro primo - Delle persone e della famiglia
Libro quarto - Delle obbligazioni
Libro quinto - Del lavoro
Libro Secondo - DEI DELITTI IN PARTICOLARE
Libro secondo - Delle successioni
Libro sesto - Della tutela dei diritti
Libro terzo - Della proprietà
Libro Terzo - DELLE CONTRAVVENZIONI IN PARTICOLARE
Ordinamento Forense
Procedura Civile
Procedura Penale
Proprietà Intellettuale
Regio Decreto 30/03/1942 n. 318 - Disposizioni per l'attuazione del Codice Civile e disposizioni transitorie
Successioni e Donazioni
Titolo I - Dei beni
Titolo I - DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ DELLO STATO
Titolo I - Della disciplina delle attività professionali
Titolo I - DELLA LEGGE PENALE
Titolo I - Della trascrizione
Titolo I - DELLE CONTRAVVENZIONI DI POLIZIA
Titolo I - Delle obbligazioni in generale
Titolo I - Delle persone fisiche
Titolo I - Disposizioni generali sulle successioni
Titolo II - Dei contratti in generale
Titolo II - DEI DELITTI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
Titolo II - Del lavoro nell'impresa
Titolo II - Della proprietà
Titolo II - DELLE CONTRAVVENZIONI CONCERNENTI L'ATTIVITÀ SOCIALE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
Titolo II - DELLE PENE
Titolo II - Delle persone giuridiche
Titolo II - Delle prove
Titolo II - Delle successioni legittime
Titolo II-BIS - DELLE CONTRAVVENZIONI CONCERNENTI LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA
Titolo III - DEI DELITTI CONTRO L'AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA
Titolo III - Dei singoli contratti
Titolo III - Del domicilio e della residenza
Titolo III - Del lavoro autonomo
Titolo III - DEL REATO
Titolo III - Della responsabilità patrimoniale delle cause di prelazione e della conservazione della garanzia patrimoniale
Titolo III - Della superficie
Titolo III - Delle successioni testamentarie
Titolo IV - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO RELIGIOSO E CONTRO LA PIETÀ DEI DEFUNTI
Titolo IV - Del lavoro subordinato in particolari rapporti
Titolo IV - DEL REO E DELLA PERSONA OFFESA DAL REATO
Titolo IV - Dell'assenza e della dichiarazione di morte presunta
Titolo IV - Dell'enfiteusi
Titolo IV - Della divisione
Titolo IV - Della tutela giurisdizionale dei diritti
Titolo IV - Delle promesse unilaterali
Titolo IX - DEI DELITTI CONTRO LA MORALITÀ PUBBLICA E IL BUON COSTUME
Titolo IX - Dei diritti sulle opere dell'ingegno e sulle invenzioni industriali.
Titolo IX - Dei fatti illeciti
Titolo IX - Della denunzia di nuova opera e di danno temuto
Titolo IX - Della potestà dei genitori
Titolo IX BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI
Titolo IX-bis - Ordini di protezione contro gli abusi familiari
Titolo V - DEI DELITTI CONTRO L'ORDINE PUBBLICO
Titolo V - Dei titoli dl credito
Titolo V - Dell'usufrutto dell'uso e dell'abitazione
Titolo V - DELLA MODIFICAZIONE
Titolo V - Della parentela e dell'affinità
Titolo V - Della prescrizione e della decadenza
Titolo V - Delle Donazioni
Titolo V - Delle società
Titolo VI - DEI DELITTI CONTRO L'INCOLUMITÀ PUBBLICA
Titolo VI - Del matrimonio
Titolo VI - DELLA ESTINZIONE DEL REATO E DELLA PENA
Titolo VI - Della gestione di affari
Titolo VI - Delle servitù prediali
Titolo VI - Delle società cooperative e delle mutue assicuratrici
Titolo VII - DEI DELITTI CONTRO LA FEDE PUBBLICA
Titolo VII - Del pagamento dell'indebito
Titolo VII - Dell'associazione in partecipazione
Titolo VII - Della comunione
Titolo VII - Della filiazione
Titolo VII - DELLE SANZIONI CIVILI
Titolo VIII - DEI DELITTI CONTRO L'ECONOMIA PUBBLICA
Titolo VIII - Del possesso
Titolo VIII - Dell'adozione di persone maggiori di età
Titolo VIII - Dell'arricchimento senza causa
Titolo VIII - Dell'azienda
Titolo VIII - DELLE MISURE AMMINISTRATIVE DI SICUREZZA
Titolo X - Della disciplina della concorrenza e dei consorzi
Titolo X - Della tutela e dell'emancipazione
Titolo XI - DEI DELITTI CONTRO LA FAMIGLIA
Titolo XI - Dell'affiliazione e dell'affidamento
Titolo XI - Disposizioni penali in materia dl società e di consorzi
Titolo XII - DEI DELITTI CONTRO LA PERSONA
Titolo XII - Delle misure di protezione delle persone prive in tutto o in parte di autonomia
Titolo XIII - Degli alimenti
Titolo XIII - DEI DELITTI CONTRO IL PATRIMONIO
Titolo XIV - Degli atti dello stato civile
Tutela della privacy
Tutela Disabili
Uncategorized
Home » Giurisprudenza Penale » Misura cautelare reale, in sede di riesame o di appello, il Tribunale deve procedere all’analisi della consulenza di parte

Misura cautelare reale, in sede di riesame o di appello , il tribunale non è tenuto a dirimere le questioni tecniche e contabili per la cui risoluzione è necessario il ricorso ad un accertamento peritale, costituendo questo un mezzo istruttorio incompatibile con l’incidente cautelare.

Il principio può dirsi in linea di massima condivisibile de iure condito, pur potendosi auspicare un mirato intervento volto ad ampliare le possibilità di intervento del tribunale in sede cautelare, in corrispondenza con il notevole ampliamento dei casi di confisca, anche obbligatoria.

Ma sta di fatto che la parte interessata ha facoltà di controdedurre e di ottenere sul punto una puntuale risposta, nei limiti di quanto allo stato del procedimento sia consentito, anche per scongiurare il rischio che eventuali inerzie implichino il protrarsi di misure ablative alla resa dei conti ingiustificate.

Si tratta dunque di distinguere tra verifiche in fatto e verifiche di carattere tecnico-specialistico, implicanti il riferimento a nozioni che coinvolgono un sapere che può essere introdotto con l’ausilio di esperti, dovendosi inoltre rilevare come il problema possa porsi con riguardo all’applicazione al fanno di canoni di ordine tecnico.

In tale delicata prospettiva occorre da un lato che il consulente di parte non si limiti ad esporre risultati, ma dia conto puntualmente dei criteri tecnici adottati e di quali elementi di fatto si sia avvalso, senza di che la consulenza risulta in radice inidonea a fondare una valutazione favorevole.

D’altro canto occorre che il Tribunale in sede cautelare dia a sua volta conto dei criteri adottati dal consulente di parte, dei risultati cui è pervenuto e del margine di valutazione di cui dispone, valorizzando nozioni giuridiche e massime di esperienza in rapporto agli elementi di fatto da lui conosciuti e comunque conoscibili.

Ciò impone al Tribunale di procedere all’analisi della consulenza e alla individuazione precisa della sua struttura e del suo contenuto, con indicazione puntuale della sua pertinenza o meno rispetto all’oggetto di indagine, e dei dati tecnici che si sottraggono alla diretta verifica, in assenza dell’ausilio di un esperto di cui il Tribunale non può disporre.

Cassazione Penale, Sezione Sesta, Sentenza n. 53834 ud. 26/10/2017 – deposito del 29/11/2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *