Art. 255

Per la tenuta del registro previsto dal secondo comma dell’articolo 1524 del codice e per le formalità della trascrizione, si osservano, in quanto applicabili, le disposizioni degli articoli 2658, primo comma, 2659, 2664 2673, 2677 e 2680, primo, secondo e quarto comma del codice stesso. Le trascrizioni devono essere eseguite giornalmente al momento della presentazione della nota e dell’atto da trascriversi. Il numero d’ordine della trascrizione è quello progressivo del registro delle trascrizioni. Il cancelliere deve formare un fascicolo per ogni trascrizione secondo le disposizioni stabilite per i fascicoli di cancelleria dall’art. 36 del Regio decreto 18 dicembre 1941, n°1368.

Capo III – Disposizioni generali e finali