Immissioni, normale tollerabilità

La norma codificata sulle immissioni, nel prevedere la valutazione, da parte del giudice, del contemperamento delle esigenze della produzione, con le ragioni della proprietà, deve tenere conto dell’esigenza di privilegiare l’utilizzo dei fondi compatibilmente con il diritto alla salute costituzionalmente garantito. Nel caso di specie la Suprema Corte...
Continua a leggere »

Obbligo di ottenere il certificato di abitabilità dell’immobile

Incombe all’alienante o disponente l’obbligo di curare l’ottenimento del certificato di abitabilità, posto a tutela delle esigenze igieniche e sanitarie nonché degli interessi urbanistici, richiedenti l’accertamento pubblico della sussistenza delle condizioni di salubrità, stabilità e sicurezza dell’edificio, attestante l’idoneità dell’immobile ad essere abitato e più generalmente ad essere...
Continua a leggere »

Intermediazione mobiliare, tutela del cliente

A tutela del cliente che contratti con un promotore finanziario, la Corte di Cassazione ha osservato che la legge n. 1/91, art. 5, comma 4 (poi sostituita dal d.lgs n. 415/96 art. 23 e d.lgs 58/98 art. 31 comma 3) pone a carico dell’intermediario la responsabilità solidale per...
Continua a leggere »

Locazione, recesso del conduttore

L’onere per il conduttore di specificare i gravi motivi contestualmente alla dichiarazione di recesso a norma dell’art. 27 ultimo comma della legge n. 392-78 ancorché non espressamente previsto dalla norma – a differenza dell’ipotesi di diniego di rinnovazione di cui al successivo art. 29 – deve ritenersi insito...
Continua a leggere »

Dichiarazione di morte presunta

Lo stato di “ morte presunta”di un soggetto, art 58 c.c., è, pronunciata con sentenza dal competente Tribunale, qualora, trascorsi 10 anni dalla sua scomparsa, non si hanno più notizie certe della sua esistenza. Tale dichiarazione , permette di superare, quella situazione di incertezza giuridica, che si crea,...
Continua a leggere »

Disconoscimento della paternità

L’analisi dell’argomento non può in alcun modo prescindere dall’analisi della cd “filiazione legittima” individuata qualora concorrono una serie di presupposti quali: – validità del matrimonio; – figlio generato dalla donna sposata e suo legittimo marito; – concepimento avvenuto in costanza di matrimonio. Tuttavia se lo stato di maternità...
Continua a leggere »