Home » Archive by category "Giurisprudenza Penale"

Frode in processo penale e depistaggio

L’art. 375 c.p. si configura come reato proprio dell’attività del pubblico ufficiale, o dell’incaricato del pubblico servizio, la cui qualifica preesista alle indagini e sia in rapporto di connessione funzionale con l’accertamento che si assume inquinato, cosicché la condotta illecita deve risultare finalizzata proprio all’alterazione dei dati che...
Continua a leggere »

Cognizione del contenuto della corrispondenza telematica dell’ex convivente, configurabilità del reato di cui all’art. 616 c.p.

Non è dubitabile che sul piano concettuale la corrispondenza costituisca null’altro che una species del genus comunicazione, ma è altrettanto indubbio che nell’ambito dell’art. 617 c.p. quest’ultimo termine non identifichi il genus nella sua astratta omnicomprensività, ma assuma un significato maggiormente specializzato, riferibile al profilo dinamico della comunicazione...
Continua a leggere »

Costituisce reato l’uso di impianti audiovisivi e di altri strumenti dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori

Resta fermo il principio, da tempo affermato dalla giurisprudenza di legittimità e non smentito dalla novella ex lege n. 151 del 2015 che ha mantenuto integra la disciplina sanzionatoria, secondo il quale l’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori, la cui violazione è penalmente sanzionata ai sensi dell’art. 38,...
Continua a leggere »

Autoriciclaggio, versamento di una somma su carta prepagata intestata allo stesso autore del fatto illecito, esclusione

La norma sull’autoriciclaggio punisce soltanto quelle attività di impiego, sostituzione o trasferimento di beni od altre utilità commesse dallo stesso autore del delitto presupposto che abbiano però la caratteristica specifica di essere idonee ad ostacolare concretamente l’identificazione della loro provenienza delittuosa. Il legislatore richiede pertanto che la condotta...
Continua a leggere »

Archiviazione per particolare tenuità del fatto

Il provvedimento di archiviazione previsto dall’art. 411, comma 1, c.p.p., anche per l’ipotesi di non punibilità della persona sottoposta alle indagini ai sensi dell’art. 131 bis c.p. per particolare tenuità del fatto, è nullo se non si osservano le disposizioni processuali previste dall’art. 411, comma 1 bis, c.p.p.,...
Continua a leggere »