Home » Condominio » Impugnazione di delibera condominiale, eccezione di nullità sollevata per la prima volta in appello

La domanda di accertamento della nullità di un negozio proposta, per la prima volta, in appello è inammissibile ex art. 345, primo comma, c.p.c., salva la possibilità per il giudice del gravame – obbligato comunque a rilevare d’ufficio ogni possibile causa di nullità, ferma la sua necessaria indicazione alle parti ai sensi dell’art. 101, secondo comma, c.p.c. – di convertirla ed esaminarla come eccezione di nullità legittimamente formulata dall’appellante, giusta il secondo comma del citato art. 345. Il principio trova applicazione anche in materia di nullità delle delibere condominiali.

Cassazione Civile, Sezione Seconda, Sentenza n. 22678 del 27/09/2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *