Home » Diritto Fallimentare » Ricettazione prefallimentare, aggravante, imprenditore che esercita attività commerciale in forma collettiva o societaria

La condotta rilevante per l’integrazione della c.d. ricettazione prefallimentare (art. 232, comma 3, n. 2 L.F.) consiste nella distrazione, nella ricettazione o nell’acquisto speculativo (a prezzo notevolmente inferiore al valore corrente) di merci o altri beni dell’imprenditore in stato di dissesto. L’aggravante di cui all’art. 232, comma 4, L.F. ricorre allorquando l’acquirente è un imprenditore che esercita un’attività commerciale. Concettualmente va evidenziato che l’imprenditore può esercitare un’attività commerciale sia in forma individuale sia in forma collettiva o societaria e l’aggravante in oggetto è, evidentemente, applicabile a qualsiasi forma di esercizio dell’attività imprenditoriale, non essendovi alcuna esclusione dell’attività imprenditoriale collettiva dal perimetro applicativo della circostanza.

Cassazione Penale, Sezione Quinta, Sentenza n. 43101 ud. 18/07/2017 – deposito del 20/09/2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *