Home » Diritto Penale » Furto, approfittare di situazioni non provocate, circostanza aggravante, insussistenza

La circostanza aggravante della destrezza di cui all’art. 625, primo comma, n.4, c.p., richiede un comportamento dell’agente, posto in essere prima o durante l’impossessamento del bene mobile altrui, caratterizzato da particolare abilità, astuzia o avvedutezza, idoneo a sorprendere, attenuare o eludere la sorveglianza sul bene stesso. Sicché non sussiste detta aggravante nell’ipotesi di furto commesso da chi si limi ad approfittare di situazioni, dallo stesso non provocate, di disattenzione o di momentaneo allontanamento del detentore della cosa.

Cassazione Penale, Sezioni Unite, Sentenza n. 34090 ud. 27/04/2017 – deposito del 12/07/2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *